Resistenza e Costituzione: il contributo delle donne

Saluto e introduzione

filettoSeparatore

Presidente Distretto Sud Ovest Fidapa Vincenzina Nappi,
Onorevole Angela Napoli,
Comandante dei Carabinieri Francesco Zangla,
Autorità Fidapa, civili e militari,
socie, amiche, Associazioni presenti,
gentili ospiti,

a ognuno un caloroso Benvenuto a questo incontro, “Resistenza e Costituzione: il contributo delle donne”, che la Fidapa sezione di Soveria Mannelli ha organizzato, per ricordare a noi stessi e soprattutto ai giovani quanto sangue è costata la nostra libertà, consapevoli che la democrazia non è una conquista valida per sempre, ma qualcosa da rinnovare e ricostruire ogni giorno, con determinazione e passione .

E determinazione e passione sono i componenti essenziali dell’azione Fidapa, che, come sapete, è un movimento di opinione indipendente, non ha scopi di lucro, persegue i suoi obiettivi senza distinzione di etnie, lingua, religione. Ha la mission di promuovere la cultura, di coordinare e sostenere le iniziative delle donne, autonomamente o in collaborazione con Enti, associazioni o Istituzioni.

Parlare oggi del contributo delle donne alla libertà del nostro Paese significa uscire un po’ dallo schema solito con cui si raccontano le grandi gesta degli uomini e ci consente di dire che la presenza numerosa delle donne ha segnato profondamente lo spirito della Resistenza, ammorbidendola nei suoi eccessi.

La Resistenza è patrimonio di tutti gli Italiani, perché fatta sì, dai partigiani (cattolici, comunisti, monarchici, liberali, apolitici), ma anche dai militari, dagli ebrei, dai civili, dalle donne.

Da noi donne, del Sud e del Nord dell’Italia, noi donne cattoliche, comuniste, monarchiche, di ogni provenienza politica che CI SIAMO MESSE INSIEME e abbiamo chiesto dignità di lavoro, scuola per i figli e diritto di voto. Diritti politici e sociali impensabili per chi non aveva mai votato.

Le donne della Resistenza e della Costituzione danno un sigillo di coraggio alla nostra storia di Liberazione. Tra il 1940 e il 1945, noi donne affrontiamo un periodo dei più scuri: figli e mariti al fronte, a casa razionamento e bombardamenti. Per l’assenza dei nostri uomini, da “angeli del focolare”, da compagne arrendevoli e sottomesse, diventiamo parte attiva della lotta di Liberazione, parte attiva della vita economica e sociale dell’Italia.

Diventiamo staffette, informatrici, soldato, partecipiamo ai grandi scioperi, anzi li organizziamo. E nelle case curiamo i figli, cuciniamo, tagliamo, cuciamo, confezioniamo pacchi, che altre donne porteranno su in montagna, a rischio della vita.

Combattiamo su più fronti, e ciò non si conosce e non si racconta ancora abbastanza, nonostante i numeri della Resistenza al femminile siano elevati.
Siamo tutte spinte dal desiderio di vedere i tempi della pace, della libertà dall’ingiustizia del fascismo e del nazifascismo. I tempi del riconoscimento dei nostri diritti.

Molti diritti di cui godiamo oggi e che diamo per scontati sono conquiste di civiltà della Resistenza. È il nostro impegno nella Resistenza che ci ha permesso di votare, spazzando via le tante riserve di chi temeva che fosse rischioso dare a noi il diritto di voto, perché non eravamo pronte, invece abbiamo fatto la differenza.

Oggi vogliamo ricordare, trasmettere, soprattutto a voi ragazzi, l’esempio, il coraggio e la capacità di stare assieme di quella generazione. Nel farlo vogliamo sperare che potremo, anche su quell’esempio, superare gli attuali momenti di difficoltà e affrontare le sfide dei nostri giorni. Se noi non conosciamo questa storia, se non la sappiamo trasmettere, il rischio è che ogni nuova generazione riparta da zero.

Prima di dare la parola ai relatori, voglio , a nome mio e della sezione, dire grazie all’amministrazione comunale per il patrocinio, alle autorità FIDAPA, alle autorità civili e militari, ai RELATORI, al M° Maria Pia Di Salvo, alle socie, alle associazioni, agli amici, agli allievi dell’Istituto Istruzione superiore “Costanzo” di Decollatura, a tutti voi, perché con la vostra presenza DATE SIGNIFICATO, a parole come Resistenza, Costituzione, Libertà, Democrazia.

Soveria Mannelli, 01 giugno 2017

La Presidente Fidapa BPW Italy sezione Soveria Mannelli

Teresa Pullano


Leggi l’articolo su ilReventino.it

Locandina Resistenza e Costituzione